Ago | 18
(0)
Lifestyle, Uncategorized

Curiosità dal mondo del running: 3 miti del cinema appassionatissimi di corsa!

 

charliCharlie Chaplin: Lo si vedeva spesso correre lungo la spiaggia di santa Monica in riva al mare della California. Partiva assieme ad altri vip dell’epoca come Douglas Fairbanks (il primo Zorro della storia del cinema) o il produttore Samuel Goldwin (quello della Metro Goldwin Mayer). Quelli dopo un po’ si arrendevano, Charlot proseguiva. Avanti e indietro, fino a 15 volte tra i due moli. “Oggi le persone si meravigliano quando vengono a sapere che, con la mia corporatura esile, riesco a correre per lunghi tratti”, disse in un’intervista, quando aveva oltre 50 anni. “Le mie gambe si erano formate abbastanza bene a forza di ballare sui palcoscenici dei teatri. A un certo punto da ragazzo pensai seriamente di iscrivermi alla maratona per le Olimpiadi di Londra, ma poi mi ammalai. Oggi riesco ancora a correre per 15 km senza mai fermarmi. La resistenza e la capacità polmonare non si perdono mai”. Buon per lui…

dustDustin Hoffman: Tutti sanno che è il protagonista del film Il maratoneta (1976). E tutti conoscono più o meno la storia del film: Dustin è uno studente di storia che prepara una tesi sul maccartismo e nel frattempo si allena per fare la Maratona di New York. Poi viene coinvolto in un intreccio pazzesco dove c’è spazio per tutto, dai servizi segreti ai criminali di guerra nazisti. Pochi sanno che per prepararsi alla parte il grande Dustin si allenava regolarmente a Central Park, abitudine che conservò per molti anni. Qualche anno dopo, nel 1984, Orlando Pizzolato lo incrociò un giorno mentre faceva le ultime rifiniture per la maratona (che poi vinse). In seguito disse che rimase colpito da quanto era “tracagnotto”.

Edward Norton: Il protagonista di film indimenticabili come “Fight Club” e “La 25a ora” è anche un runner. Nel 2009 ha corso la maratona di New York (con il rispettabile tempo di 3:48:01) per sostenere la causa della Masai Wilderness Conservation Trust, eddiedi cui è presidente della filiale americana. L’organizzazione che è impegnata nella difesa della biodiversità dei territori abitati dalle tribù Masai è stata fondata da un italiano, Luca Belpietro e da sua moglie Antonella, che vivono in Kenya dal 1996. Per prepararsi alla maratona di New York il buon Edward è andato ad allenarsi da quelle parti, assieme ai Masai ovviamente (tre di questi lo hanno accompagnato alla Maratona di NY).

 

RUN HAPPY!

0 Comments

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>